La pianta che disintossica e disinfetta la vagina, prevenendo malattie veneree e cisti

Di - Redazione - 19 Febbraio 2017 in Malattie veneree

I bagni di vapore vaginali sono un trattamento a base di erbe e vapore per pulire e disintossicare la vagina. Questo trattamento, divenuto ormai una tendenza molto popolare, può essere praticato a casa e, secondo chi lo pratica con regolarità, è molto efficace.

I bagni di vapore si effettuano due o tre giorni dopo la fine del ciclo (da non fare assolutamente durante il ciclo o la gravidanza), per disintossicare la vagina. I bagni aiutano ad ossigenare il sangue, pulire le membrane del tessuto vaginale, eliminare le tossine e aiutare nel trattamento di funghi e altre condizioni.

I bagni di vapore vaginali durano circa 20-25 minuti, y bisogna fare molta attenzione a non scottarsi cercando di restare a distanza di sicurezza dalla fonte di vapore (una pentola piena d’acqua calda e di erbe).

Per preparare i bagni si suggeriscono le seguenti erbe: rosmarino, lavanda, origano, basilico, petali di rosa e camomilla. Prima di realizzare il bagno assicurati di non essere allergica a nessuna di queste piante.

Porta ad ebollizione circa 4 litri d’acqua e versaci le tue piante ed erbe preferite (circa 100 grammi se secche, circa 300 se fresche). Fai bollire per 10 minuti, poi fai riposare per altri 10.

Versa l’acqua e le erbe in una bacinella e fai sì che il vapore raggiunga la vagina, disponendo un asciugamano attorno per evitare che si disperda vapore. Resta in questa posizione per circa 20 minuti.

Il trattamento può essere realizzato una o due volte ogni sei mesi. Non esistono prove scientifiche che dimostrino l’efficacia di tale trattamento.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento