Rimedio Naturale

Come chiudere i cicli, le porte e i capitoli: la vita si vive guardando avanti

5 Gennaio 2019 in Psicologia

Le cose non vanno sempre come ci si aspetta. Ci sono momenti in cui sentiamo di essere alla ricerca di un qualcosa che non fa per noi, bussando a porte che non si aprono e restando in attesa di miracoli che non avverranno mai.

Bisogna capire sempre quando si raggiunge il finale di un ciclo. Se insistiamo più del necessario, perdiamo la felicità e il significato di altri cicli che dobbiamo attraversare.

Chiusura di un ciclo, di una porta, di un capitolo, qualunque sia il nome che decidiamo dare, ciò che più importa è lasciare nel passato i momenti della vita che si sono conclusi. Un lavoro perso, una relazione finita, un cambiamento drastico nella propria vita: è importante saper chiudere i cicli.

Le cose accadono, il tempo passa, e la cosa migliore che possiamo fare è lasciare fluire. E’ per questo che è importante, per quanto doloroso possa essere, distruggere ricordi, trasferirsi, concentrarsi su altro e aprire nuovi cicli.

Niente è insostituibile, le abitudini non sono necessità e l’unica cosa davvero necessaria è stare bene con se stessi. Spegni quel “televisore emozionale” che ti fa vedere lo stesso programma ripetutamente, nel quale si parla di quanto stai male.

Non è per orgoglio, incapacità o arroganza che vanno chiusi i cicli, ma semplicemente perché non fanno più parte della tua vita.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Ti potrebbe interessare:

Aggiungi un commento