Come coltivare i mandarini in vaso e averne una scorta infinita

24 Ottobre 2019 in Casa, Giardinaggio

Coltivare i mandarini a casa è una eccellente opzione per chi ha la passione del giardinaggio o vuole essere sicuro di mangiare frutti liberi da pesticidi e sostanze chimiche.

In pochi sanno che è possibile coltivare i mandarini a casa, pur avendo poco spazio. Ad ogni modo, bisogna tenere conto che l’altezza dell’albero di mandarino può raggiungere i due metri.

Oltre ad essere bello esteticamente, l’albero di mandarino rilascia un aroma molto gradevole. I frutti sono ricchi di vitamine C e B, ma anche di carotene e acido citrico. Di seguito ti spieghiamo come coltivare i mandarini in vaso.

La prima cosa da fare è ottenere dei semi di mandarino e lavarli bene per rimuovere i resti di polpa del frutto. Si suggerisce di prelevare i semi da un frutto ben maturo. Asciuga bene i semi aiutandoti con della carta da cucina.

Il vaso deve essere alto circa 30 centimetri, e il terriccio di qualità, cioè ricco di macro e micronutrienti. Pianta i semi a circa 3 centimetri di profondità, poi inumidisci leggermente il terriccio. La pianta ci impiegherà circa 3-4 settimane a germinare.

Metti il vaso in un angolo soleggiato della casa. Pur essendo un albero che resiste bene al freddo, ha bisogno di molta luce solare.

La pianta di mandarino ha bisogno di grandi quantità d’acqua. Ricordati di garantire alla pianta anche un buon drenaggio. Durante le prime settimane innaffia circa 3 volte a settimana, dopodiché bisogna farlo ogni qualvolta il terriccio sembra asciutto al tatto.

L’albero di mandarino può dare i primi frutti dopo un anno.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento