Come disintossicarsi con il riso integrale

4 Settembre 2015 in Altre malattie e rimedi

Il corpo non riesce ad eliminare da solo tutte le tossine che vi entrano. Queste tossine, frutto dei residui tossici, fanno molto male alla nostra salute. Una corretta pulizia del corpo è molto importante per poter eliminare le tossine e vivere una vita più sana.

Esistono numerosi metodi per disintossicare il corpo, ma pochi sono davvero efficaci come quello a base di riso integrale.

Preparazione: La quantità di riso integrale è molto importante per la buona riuscita di questo metodo. Se hai 30 anni, usa 30 cucchiai di riso. Sciacqualo e mettilo in un contenitore di vetro, il quale sarà riempito con acqua calda. Chiudi e conserva in frigo per un giorno intero, dopodiché filtra.

disintossicarsi con riso integralePrendi un cucchiaio di questo riso e cucinalo per 3 minuti in acqua (senza sale) e consumalo ogni mattina, a stomaco vuoto e cercando di non bere o mangiare durante le 3 ore successive.

Riempi di nuovo il contenitore col riso con acqua calda e conservalo in frigo fino al giorno dopo. Ripeti tutti i giorni fino a consumare tutto il riso.

Il segreto di questo metodo sta nella struttura cristallina del riso. Quando i chicchi vengono immersi nell’acqua, l’amido viene rimosso e si sviluppano le cellule. Il riso non viene digerito nello stomaco, ed arrivando nell’intestino i suoi chicchi agiscono come assorbenti, immagazzinando tossine e metalli pesanti da vasi sanguigni, intestino e altre parti del corpo.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Commenti dei lettori

  1. Cavallaro Leone dice:

    Ma se ho 70 anni, mica metto 70 cucchiai di riso, la prima volta lavoro con 35 e la seconda con altri 35, dico bene o sbaglio?

Aggiungi un commento