Come stimolare circolazione e metabolismo con la riflessologia

3 Gennaio 2016 in Altre malattie e rimedi, Articolazioni

Fra tutte le aree del nostro corpo, i piedi ricevono il trattamento peggiore, e spesso non gli si dedica l’attenzione che meritano.

Sui piedi poggiamo tutto il giorno, essi sopportano il peso del nostro corpo e sono i nostri propulsori per camminare ed ammortizzare l’impatto col suolo. Bisogna dare molta attenzione ai piedi, non solo quando fanno male o danno fastidio.

riflessologia piediPer curare i piedi e la salute del corpo in generale, molte culture applicano una tecnica millenaria, originaria dell’Egitto e della Cina, chiamata riflessologia. Questa tecnica terapeutica si basa sullo stimolare vari punti della pianta del piede.

Alcuni dei benefici di questa tecnica sono sorprendenti: può stimolare i muscoli e i nervi, ridurre la rigidità, eliminare stress e stanchezza, migliorare la circolazione sanguigna, stimolare il sistema linfatico, alleviare il dolore e migliorare il sonno.

Di seguito spieghiamo come applicare questa tecnica:

  1. Lava i piedi per riscaldarli
  2. Massaggia con olio di cocco o di mandorle. Aggiungi 1 o 2 gocce di qualche olio essenziale come lavanda, menta, eucalipto o albero del tè.
  3. Massaggia le dita del piede, cercando di allungare e muovere ciascun dito.
  4. Massaggia la pianta del piede con entrambi i pollici, dall’alto verso il basso. Applica una forte pressione su ciascun punto di digitopressione per qualche secondo.
  5. Massaggia talloni e le caviglie.
  6. Non dimenticare di massaggiare la parte superiore dei piedi.
  7. Ripeti gli stessi massaggi sull’altro piede.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento