Dieffenbachia: una pianta ornamentale molto tossica

29 Luglio 2015 in Casa

In questo articolo parleremo della Dieffenbachia, una pianta ornamentale molto diffusa quanto tossica e velenosa.

La Dieffenbachia è una varietà della Camilla, i cui effetti sono molto tossici anche se in pochi casi sono mortali. Originaria dell’America Centrale e del Sud America, questa pianta è una delle più usate nei salotti o negli uffici.

dieffenbachia tossicaLa tossicità di questa pianta deriva dal fatto che le sue foglie posseggono dei cristalli di un composto chiamato ossalato di calcio, e parte di una proteina chiamata asparagina. Queste due sostanze sono pericolose in quanto irritano pelle e mucose sia di esseri umani che di animali.

Tuttavia, è raro che questa pianta possa portare alla morte. Secondo la Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti, l’ingestione o il contatto con le foglie di Dieffenbachia possono portare a bruciore e infiammazione di bocca e gola, perdita della voce o dolore agli occhi.

Nei casi più seri può portare diarrea, nausea e danni alla cornea degli occhi. Inoltre, proprio perché l’infiammazione di bocca e gola può ostruire le vie respiratorie (soprattutto quelle dei bambini), è possibile che porti alla morte.

La Dieffenbachia non ha una tossicità rapida e letale, a differenza di quanto diffuso via social network o catene di email.

Nonostante ciò, se hai questa pianta in casa o in ufficio, non devi trattarla con leggerezza. Se hai bambini o animali a casa, cerca di allontanarla da loro.

Non bisogna sottovalutare neanche i casi di avvelenamento o intossicazione provocati da piante ornamentali: si stima che negli Stati Uniti circa 65 mila persone l’anno soffrono tali problemi.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento