L’olio di cocco come protettore solare

14 Giugno 2015 in Bellezza, Pelle

Estate è sinonimo di spiaggia (o piscina) e sole. Se hai intenzione di passare molto tempo in spiaggia (e quindi al sole), assicurati di non esporti ai pericolosi raggi UV, o di farlo con le dovute precauzioni. In questo articolo spieghiamo perché l’olio extravergine di cocco è un’ottima alternativa ai protettori solari tossici.

L’esposizione al sole fa bene alla salute, ma la sovraesposizione è un bel problema. Il sole aiuta il corpo a produrre vitamina D. Scegli l’olio di cocco come protettore solare, giacché a differenza dei protettori solari convenzionali, non contiene ingredienti tossici che fanno male alla pelle.

Secondo Bruce Fife, medico naturista statunitense e autore del libro “Il cocco cura”, con l’olio di cocco si possono prevenire e trattare molti problemi di salute; il cocco può proteggere la tua pelle dai raggi UV e prevenire il cancro.

L’olio di cocco non blocca i raggi UVB, essenziali per la sintesi della vitamina D, ma protegge dai raggi UVA. Impedisce che la pelle soffra la sovraesposizione al sole oltre a dare una bella abbronzatura senza bruciarsi.

Fife aggiunge che il consumo di olio di cocco rafforza la pelle, la rende più resistente e meno propensa a soffrire scottature solari. Bisogna assicurarsi, però, che l’olio di cocco sia extravergine.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento