Mi piace sentirmi dire la verità: poi vedrò se fa male o no

11 Ottobre 2019 in Psicologia

A nessuno piacciono le bugie. Non ci piacciono quelle mezze verità che hanno la pretesa di decidere per noi ciò che dovremmo sapere o meno. Se la verità fa male, siamo noi a doverlo decidere.

La gente ha la cattiva abitudine di nascondere o omettere cose che fanno, dicono o pensano perché pensano che in questo modo evitino di farci del male. In realtà, non c’è nulla di più logorante delle bugie, dell’occultismo e dell’ipocrisia. Ci fanno sentire piccoli e vulnerabili, e generano mancanza di fiducia e insicurezza.

Durante la nostra vita soffriamo e piangiamo per centinaia di situazioni provocate dagli altri. Tuttavia, tutti questi sentimenti ed emozioni non finiscono nel dimenticatoio. Al contrario, finiscono con l’arricchirci.

Soffrire ci permette di comprenderci e conoscerci meglio, di imparare a gestire le nostre emozioni e andare avanti.

Dire le cose in faccia equivale ad essere sinceri. La gente confonde questo atteggiamento con la mancanza di educazione, di tatto o di prudenza.

La sincerità non è dire tutto ciò che si pensa, dirlo in modo brusco o in qualsiasi momento. Allo stesso tempo, essere sinceri con criterio, empatia ed etica non vuol dire nascondere la realtà, o cercare di “addolcirla”.

La sincerità, quella vera, ci rende veri amici, persone leali e complete. Ovviamente, l’intenzione non è mai cattiva, ma l’esatto opposto. Mentire ad un’altra persona vuol dire togliergli l’opportunità di gestire il proprio dolore, di imparare la lezione e di andare avanti.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento