Mila, la bimba malata di tumore che non può vedere il papà, ci ricorda l’importanza dell’isolamento

26 Marzo 2020 in Coronavirus 2020

Mila Sneddon è una bimba scozzese di 4 anni a cui è stato diagnosticato un cancro lo scorso novembre. Sottoposta a chemioterapia e quindi obbligata a restare isolata, vive a casa con la mamma, mentre suo papà e la sorella di 16 anni si sono trasferiti in un’altra residenza.

È l’unico modo per proteggere la piccola, visto che il papà lavora e la sorella va ancora a scuola. Un contatto diretto con i due parenti aumenterebbe il rischio di contagio, in un momento in cui il suo sistema immunitario è molto debole.

In questo momento in cui, a causa della crisi da coronavirus molte persone in tutto il mondo si trovano in isolamento nelle proprie case, la mamma di Mila ha deciso di condividere una emotiva immagine nel suo profilo di Facebook: la foto di Mila che manda un bacio attraverso la finestra.

“Inizialmente ci siamo sentiti male nel separare la famiglia, pensando di essere troppo cauti, ma ci sono molte famiglie che hanno fatto la stessa cosa per proteggere i propri cari”, ha detto la donna, che spera anche che “la foto possa far capire alle persone l’importanza dell’isolamento e del distanziamento, e farle smettere di ignorare le linee guida”.

La foto è diventata virale. “Abbiamo ricevuto migliaia di commenti sinceri che sono rinfrescanti e rassicuranti”, ha detto la mamma, che ha aggiunto: “è difficile per tutti noi, ma più le persone escono di casa, più lungo sarà l’isolamento anche per Mila, alla quale mancano tantissimo suo papà e sua sorella”.

Fonte: Facebook

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento