Prada e Calzedonia si uniscono all’elenco di aziende che produrranno mascherine mediche

26 Marzo 2020 in Coronavirus 2020

L’emergenza da coronavirus ha portato anche ad una carenza di mascherine e camici medici. Il governo italiano sta facendo di tutto per aumentare le scorte, chiedendo alle aziende di riconvertire la produzione per contribuire.

Dall’inizio dell’emergenza, Calzedonia ha prima chiuso tutti i punti vendita delle zone rosse, poi quelli di tutta Italia. Ora, lacuni stabilimenti del gruppo (Avio in provincia di Trento e Gissi, a Chieti e altri in Croazia), sono stati riconvertiti alla produzione di mascherine e camici per il personale sanitario.

Il gruppo prevede la produzione di circa 10 mila mascherine al giorno.

Anche Prada, marca di riferimento della moda italiana, si è attivata a sostegno della richiesta di aiuto della Regione Toscana. La casa d’alta moda si è impegnata a consegnare 80 mila camici e 110 mila mascherine.

Lo sforzo di entrambe le aziende avviene in tempi record e si aggiunge al sostegno di tantissime altre realtà italiane.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento