Se mangiata così, la curcuma rigenera le cellule cerebrali e previene Alzheimer, ictus e ischemie

31 Marzo 2019 in Prodotti naturali

Il mondo delle erbe medicinali ci offre numerosi tesori con proprietà curative, e una di questi è senza dubbio la curcuma. Secondo i ricercatori dell’Istituto di Neuroscienza e Medicina di Jülich, Germania, un composto bioattivo della curcuma promuove la moltiplicazione delle cellule madri nel cervello.

Lo studio suggerisce che il turmerone aromatico, un composto della curcuma, aumenta dell’80% la proliferazione delle cellule madri endogene neutre, senza avere alcun impatto sulla morte cellulare. Questo tipo di cellule giocano un ruolo fondamentale nell’autoriparazione e nel recupero delle funzioni cerebrali nelle malattie neuro-degenerative.

Anche la curcumina, uno degli ingredienti bioattivi più noti e studiati della curcuma, possiede più di 150 attività terapeutiche. La curcumina è in grado di superare la barriera emato-encefalica, ed è per questo che è un eccellente agente neuroprotettivo in una vasta gamma di disturbi neurologici.

Vari studi hanno associato alla curcumina la capacità di prevenire e aiutare nel trattamento del morbo di Parkinson, Alzheimer e danni da ictus cerebrale. La curcumina ha anche proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

Per godere dei benefici della curcuma basta aggiungerla alla tua dieta, aggiungendola alle tue pietanze o preparando delle gustose tisane. Per preparare una tisana alla curcuma, porta ad ebollizione 200 ml d’acqua, rimuovi dal fornello e versa la curcuma per circa 5-7 minuti. Filtra e bevi ancora calda.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Ti potrebbe interessare:

Aggiungi un commento