Rimedio Naturale

L’ortaggio che protegge il cervello e previene l’Alzheimer

18 maggio 2017 in Altre malattie e rimedi

Una delle preoccupazioni di salute più grandi è sicuramente l’Alzheimer. Questa malattia del cervello è più comune di quanto si possa pensare, ed è possibile ridurre il rischio di contrarla seguendo delle semplici abitudini: di seguito te ne suggeriamo 5.

Cereali. Mangiare 500 grammi di cereali interi come avena, orzo o riso integrale ogni settimana ci aiuta a prevenire il rischio di Alzheimer del 31%, secondo uno studio recente. Questi alimenti contengono due vitamine del gruppo B, niacina e folato, che nutrono e riparano le cellule del cervello.

Ortaggi. Mangiare 100 grammi di spinaci, cavoli o altri ortaggi a foglia verde ogni giorno ci aiuta a ridurre l’invecchiamento del cervello. La vitamina K contenuta in questi ortaggi, così come la luteina, aiutano a favorire le funzioni dei vasi sanguigni del cervello, permettendo l’arrivo di ossigeno e nutrienti.

Funghi. Mantenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue è importante per prevenire l’Alzheimer. Il cervello ha bisogno di una quantità costante e sana di zucchero nel sangue per funzionare correttamente. Gli sbalzi di glucosio possono essere prevenuti con una porzione quotidiana di funghi.

Fosfatidilserina. E’ un tipo di grasso unico, che si trova nel cervello e nella soia. Secondo gli esperti, una dose giornaliera da 100-200 mg di questo grasso ci aiuta a migliorare la memoria e prevenire l’Alzheimer. E’ disponibile sotto forma di integratore, consulta il medico prima di cominciare a prenderlo.

Condividi l'articolo:
648

Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Ti potrebbe interessare:

Aggiungi un commento