Lupus: cos’è, quali sono i sintomi e come si cura

19 Giugno 2018 in Altre malattie e rimedi, Sistema immunitario

Il lupus è una malattia cronica autoimmune che può colpire qualsiasi parte del corpo. Questa condizione colpisce il sistema immunitario, che è ciò che protegge il corpo da virus, batteri e germi. Non è contagioso e non viene trasmesso attraverso i rapporti sessuali.

Può presentarsi in forme diverse, lievi o rischiose. Tuttavia, con un buon controllo medico, le persone che soffrono di lupus possono condurre una vita normale. Il lupus colpisce sopratutto le donne in età fertile. Ciononostante, bambini e uomini non ne sono certamente immuni.

I sintomi del lupus possono essere vari e diversi tra i vari pazienti. Sono inclusi problemi psichiatrici, convulsioni, iperattività e a volte anche depressione. Questa malattia riduce il numero di cellule del sangue, portando ad una riduzione di globuli bianchi. Vomito, diarrea, pancreatite, stanchezza e febbre possono essere altri sintomi che accompagnano il lupus.

Nonostante non sia conosciuta la causa di questa malattia, alcuni studi ne hanno verificato in parte un’origine genetica.

Per trattare il lupus è necessaria attenzione medica specializzata, e le figure che possono intervenire sono varie. Il reumatologo, ad esempio, aiuta a migliorare gonfiore e dolore nelle articolazioni, il dermatologo può curare le zone della pelle colpite da questa condizione, il neurologo può concentrarsi sul sistema nervoso mentre l’endocrinologo si specializza su ghiandole e ormoni.

E’ molto importante sottoporsi alla visita di un medico nel caso si soffra di uno o più sintomi associati al lupus.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento