Anacardo: il super-frutto secco che abbassa il colesterolo e scioglie il grasso

2 Novembre 2015 in Prodotti naturali, Psicologia

L’anacardo è uno degli alimenti più salutari al mondo. Purtroppo, però, si tende a non conoscere i numerosi benefici che offre. Paesi come Nigeria, Tanzania, Mozambico e Brasile sono i principali produttori di anacardi, ma è possibile acquistarli anche in Italia.

Gli anacardi sono ricchi di vitamine, fibre dietetiche solubili, minerali e tantissime sostanze fitochimiche capaci di prevenire malattie, cancro incluso. Gli anacardi posseggono molte calorie (50 grammi contengono circa 275 calorie).

Ci forniscono numerose vitamine essenziali, come l’acido pantotenico (vitamina B5), pirissodina (vitamina B6), tiamina (B11) e riboflamina.
Ricco anche di minerali essenziali come potassio, magnesio, rame, selenio, manganese, zinco e ferro, ne basta consumare un pugno al giorno per averne le dosi giornaliere corrette e proteggerci da molte malattie.

Acidi grassi mono-insaturi come l’oleico e il palmitoleico si trovano in grandi quantità nell’anacardo, e sono molto positivi per la salute del cuore, in quanto hanno la capacità di ridurre il colesterolo cattivo.

Gli anacardi sono ottimi anche per trattare la depressione. Sono una fonte eccellente di triptofano, un amminoacido essenziale che regola i livelli di serotonina.

Questo composto miracoloso regola il nostro stato d’animo, migliora il sonno ed equilibra il nostro comportamento, diminuendo stress, ansia e depressione.

Così come gli arachidi, anche gli anacardi sono molto allergici. L’allergia agli anacardi è molto diffusa, per questo bisogna fare molta attenzione prima di consumarli.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento