5 stupende piante d’appartamento che sono facili da curare

28 Giugno 2020 in Casa, Giardinaggio

Sei un principiante, non hai il pollice verde, eppure vorresti avere un maggiore contatto con la natura e quindi mettere delle piante a casa? Nessun problema: esiste una grande varietà di piante d’appartamento che, oltre ad essere belle, richiedono di poche cure.

Di seguito ti elenchiamo 5 piante d’appartamento che sono facili da curare, e che potranno dare un tocco di colore e armonia agli ambienti di casa.

Falangio (o nastrino). Questa pianta è una delle più diffuse nelle case e negli uffici di tutto il mondo. Va messa in un ambiente grande, cresce velocemente, non richiede luce abbondante e va annaffiata una volta a settimana.

Bambù della fortuna. Una pianta cinese che, secondo la tradizione, attrae fortuna e buone vibrazioni. Questa pianta può crescere sia in acqua che nel terriccio. Ha bisogno di luce indiretta, quindi va messa vicino alle finestre.

Spatafillo. Questa pianta è nota per la sua capacità di depurare l’aria di casa. Ha foglie grandi e fiori bianchi, si adatta ai luoghi con poca luce e umidi, ed è per questo che è l’ideale per decorare i bagni.

Aloe vera. Conosciuta come “pianta miracolosa” per via delle sue decine di benefici per la salute, l’aloe vera può essere tenuta dentro casa in quanto ha bisogno di poca cura. Non necessita di molta luce e va innaffiata una volta a settimana.

Pothos. Una delle piante d’appartamento più adattabili, può essere esposta a luce indiretta o nei luoghi più bui della casa. Unica accortezza: bisogna tenerla alla larga da bambini e animali domestici, in quanto potrebbe essere tossica.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento