Come scegliere il cocomero più buono

20 Luglio 2019 in Casa

Fare attenzione a determinate caratteristiche del cocomero al momento dell’acquisto ci permette di prendere il più buono e saporito. Un buon cocomero non ha parti più morbide sulla crosta, non ha crepe, è simmetrico e duro.

Non si tratta solo di problemi estetici: un’esposizione esagerata al sole o una carenza di acqua possono compromettere il sapore del cocomero. Di seguito ti elenchiamo alcune caratteristiche di un buon cocomero.

Colore. Un cocomero di buona qualità ha un colore verde scuro e opaco. Un colore più chiaro e brillante indica una qualità più scarsa.

Buccia. L’area giallastra sulla buccia indica dove il cocomero ha avuto contatto col terreno. Se questa area è più scura, significa che il cocomero è maturato correttamente. Se, invece, l’area è più chiara, quasi bianca, o inesistente, implica che il cocomero è stato raccolto troppo presto.

Peso. Un cocomero pronto per essere mangiato è composto al 92% da acqua e 6% di zucchero. Per essere sicuri di non acquistare un cocomero troppo ricco d’acqua, prova a sollevar due cocomeri delle stesse dimensioni, e acquista il più pesante.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento