I benefici dei frutti di mare contro l’Alzheimer

17 Febbraio 2016 in Altre malattie e rimedi

Un recente studio del Centro Medico dell’Università di Rush (Stati Uniti), pubblicata dal “Journal of the American Medical Association”, ha dimostrato che il consumo di frutti di mare può ridurre il rischio di soffrire di Alzheimer.

Il rallentamento di questa malattia è stata associata al consumo di frutti di mare e, nonostante questi siano spesso stati associati a livelli maggiori di mercurio nel cervello, tali livelli non sono determinanti in una maggiore incidenza di questa malattia.

alzheimer frutti di mareLa relazione fra i frutti di mare e il mercurio già era nota, ma la novità riguarda proprio il come la presenza di mercurio nel cervello possa influire sulle malattie neuro-degenerative.

Si è concluso che gli adulti più anziani con gene di rischio per l’Alzheimer che hanno mangiato almeno una porzione di frutti di mare a settimana, hanno mostrato minori cambiamenti cerebrali relativi all’Alzheimer.

Consumare frutti di mare una volta a settimana fa bene al cervello e alla lotta contro l’Alzheimer.

Il consumo di pesci e frutti di mare, ricchi di acidi grassi Omega-3, favorisce il buon funzionamento di cervello e memoria.

Condividi l'articolo
Importante: Questo sito web non dà consigli medici, né suggerisce l'uso di tecniche come forma di trattamento per problemi fisici, per i quali è invece necessario il parere di un medico. Nel caso si decidesse di applicare le informazioni contenute in questo sito, lo stesso non se ne assume le responsabilità. L'intenzione del sito è quella di essere illustrativo, non esortativo né didattico.

Aggiungi un commento